Turismo Cantiano


Comune di
Cantiano

TRADIZIONI & CULTURA: CHIESE
 
Di chiesa in chiesa...
Sant'Agostino
Collegiata di S.Giovanni Battista
Sant'Ubaldo
San Nicolo'
A San Crescentino
A Chiaserna
A Pontericcioli
 

Chiesa di Sant’Agostino
Di antichissime origini, dal 1272 convento agostiniano. Il magnifico portale romanico dai capitelli guarniti da bassorilievi fitomorfici stilizzati ne svela l’originaria struttura romanica. All’interno importanti dipinti tra i quali la “Madonna della cintura” (scuola di Federico Zuccari), “San Nicola da Tolentino”, pittore emiliano (sec. XVII), una Concezione di Giovanni Dionigi da Cagli del 1535, una “Madonna del Soccorso” (Antonio Viviani, sec XVII).

Collegiata di S. Giovanni Battista
Iniziata nel 1615 ed abbellita, secondo l’aspetto attuale, nel 1725 su disegni dell’architetto Antonio Francesco Berardi da Cagli. All’interno una “Decollazione di S. Giovanni Battista” (Francesco Allegrini), “Vergine con Bambino e San Giovanni” detta “Madonna del Cardellino” ed attribuita a Eusebio di Giacomo detto Eusebio di San Giorgio, discepolo di scuola del Perugino o, secondo altri studi, direttamente a questo insieme al Pinturicchio.

A Pontericcioli
Sorge il Palazzo comitale, di pietra arenaria ma con portale e finestre di pietra bianca in stile orientaleggiante (sec. XI). Nella chiesa di S. Giuseppe, un “S. Pietro e S. Paolo” attribuito a Flaminio Allegrini Senior.

 

 

San Nicolo'
Di fronte al Comune, in luogo della precedente e del Monastero annesso (labili tracce dietro l’abside e nella parrocchiale). All’interno, una “Pietà e Santi” di autore ignoto nella quale è possibile riconoscere Cantiano dell’epoca, un S. Nicolò (Carlo Maratta, 1625-1713) una pala della Madonna del Rosario con Bambino e Santi (Ercole Ramazzani di Arcevia, 1539-1598).

Sant'Ubaldo
La chiesa di S. Ubaldo è l’unica che conserva lo stile basilicale. All’interno un prezioso simulacro ligneo di Gesù crocifisso, opera del 1537 di Berardino figlio di Ottaviano Dolci da Urbania, una “Ultima Cena”attribuita al pittore cantianese Ventura Mazza (1560-post1633), una Circoncisione di Gesù, S. Ubaldo e San Bernardino attribuiti a Giovanni Baldassini (1534 ca-1601).

Pieve di San Crescentino
Antichissima pieve con annessa torre militare di controllo. All’interno due affreschi di notevole valore, un S. Crescentino, S.Ubaldo e Madonna del Bell’amore e un S. Antonio da Padova, una tela di S. Crescentino di Virginio Nucci (1547-1621) e un elemento di pluteo in stile carolingio.

A Chiaserna
Si trovano i ruderi dell’ Abbazia di S. Angelo (cripta e l’ala sinistra del Capitolo) e S. Anastasia (pregevoli affreschi nella cupola).

 


I tesori nelle chiese


 
Turismo Cantiano

Comune di Cantiano - Uff. Turismo e Cultura - Piazza Luceoli,3 - 61044 CANTIANO (PU) - TEL.0721789936-0721789911 (centralino) - ufficioturismo@comune.cantiano.pu.it